Artista eclettica, la mezzo-soprano francese HERMINE HUGUENEL interpreta sulle scene francesi, italiane e svizzere un largo repertorio che va dalle grandi opere italiane, francesi e russe alle opere contemporanee, l’operetta e la musica sacra.

All’Opera di Digione, ha interpretato in particolare Siébel (Faust) e Hermia (Les caprices de Marianne di Sauget), all’Opera di Massy, Rosina (Il Barbiere di Siviglia) e Alisa (Lucia di Lammermoor), all’Arena di Bayonne, Carmen (Carmen), alla Fondazione Festival Pucciniano (Torre del Lago), Zita (Gianni Schicchi), la Principessa (Suor Angelica) e Suzuki (Madama Butterfly), all’Opera di Friburgo e di Losanna, Mme Larina (Eugenio Oneguin) e la regina Popotte (Le voyage dans la Lune).

Con il Coro Sinfonico di Parigi, ha interpretato il Requiem di Verdi.

I programmi dei suoi recital coniugano la melodia francese, la romanza russa, il lied e la canzone spagnola ai grandi ruoli come Azucena (Il Trovatore), Charlotte (Werther), Dalila (Samson et Dalila).

La stampa saluta il suo canto chiaro e stabile, i suoi vocalizzi impeccabili, il bel timbro, il temperamento e il coinvolgimento scenico e vocale.

Nel 2018-19, interpreta Flora (La Traviata), Marcellina (Le Nozze di Figaro) al Festival di Saint-Céré e all’Espace Lyrique di Clermont-Ferrand. E Périchole (La Périchole) in tournée.

BIOGRAFIA